Severino a #ijf12: «La rettifica ai blog? Molto difficile, autoregolamentatevi»

Non ci siamo: su informazione e web il governo Monti parla come il governo Berlusconi. La settimana scorsa ho scritto del ritorno del cosiddetto ‘comma ammazza-blog’, quello che vorrebbe estendere l’obbligo di rettifica previsto per la legge sulla stampa a tutti i «siti informatici.» Oggi, durante l’incontro su etica e giornalismo al Festival di Perugia, il ministro della Giustizia Paola Severino è tornata sull’argomento. Nei tweet di chi era presente all’evento:

Visto che mi trovavo in sala Lippi, cioè a pochi passi di distanza, ho deciso di raggiungere sala dei Notari, dove era ancora in corso l’incontro con il ministro, e chiedere delucidazioni.

A fine evento, Severino si è soffermata con i giornalisti per spiegare la riforma della giustizia che ha in mente. Un giornalista l’ha interpellata sulle affermazioni circa la necessità di regolamentare l’informazione online e le critiche appena espresse sui blog.

Il ministro, dopo aver premesso di sapere che «queste dichiarazioni non producono consenso», non si è sottratta alla domanda. Affermando che  «il fatto di scrivere su un blog non ti autorizza a scrivere qualunque cosa, soprattutto se stai trattando di diritti di altri.»

A quel punto mi sono inserito, chiedendo a Severino se la riforma conterrà l’introduzione dell’obbligo di rettifica per i blog – come peraltro previsto, non si capisce bene come, nella più recente bozza. Questa la risposta del ministro:

E’ molto difficile configurare un obbligo di rettifica per i blog. Proprio per questo credo che le mie parole vadano colte non come polemica, non come bavaglio nei confronti dei blog, proprio perché è un mondo privo di una regolamentazione, ad oggi. Proprio per questo mi rivolgo ai blogger direttamente, dicendo: ricordate che quello che fate agli altri potrebbe essere fatto a voi. Quindi autoregolamentatevi, autodisciplinatevi, perché allora quello dei blog diventerà un mondo veramente utile.

La risposta non soddisfa. Prima di tutto perché lascia trasparire una concezione errata dell’ecosistema dell’informazione online: che non è un far west, come vorrebbe far credere il ministro (con tutte le conseguenze di cui ho scritto più dettagliatamente qui). In secondo luogo, perché la vaga opposizione al concetto espresso dal ‘comma ammazza-blog’ è motivata unicamente da mere ragioni di applicabilità. Se, in sostanza, la norma non sarà contenuta nella versione definitiva della riforma – ed è ancora tutto da dimostrare – sarà solo perché è «molto difficile». Solo per questo il ministro ha lanciato il conseguente appello all’«autoregolamentazione» e all’«autodisciplina.» Che, di nuovo, lascia trasparire il pregiudizio – chiarissimo – che chi fa informazione online su un blog di norma – e non in casi eccezionali – scriva cose false o, peggio, diffamatorie.

Senza contare che l’argomento «ciò che fate agli altri potrebbe essere fatto a voi» è lo stesso con cui Alfano e il Pdl hanno cercato ripetutamente di giustificare il ‘bavaglio’ sulle intercettazioni.

Siamo molto lontani dalla svolta di fondo di cui questo Paese avrebbe bisogno per uscire dal Medioevo digitale.

About these ads

19 thoughts on “Severino a #ijf12: «La rettifica ai blog? Molto difficile, autoregolamentatevi»

  1. Pingback: Ministro Severino, basta pregiudizi sulla Rete | PANICO DEMOCRATICO

  2. Pingback: Blog autodisciplinanti | Terzo occhio.org - fonte di domanda per informare se stessi

  3. Pingback: Il Ministro Severino e la regolamentazione dei blog – Il Fatto Quotidiano

  4. Pingback: Severino e l’autodisciplina dei blog | infropy - information entropy

  5. Pingback: L’Europa boccia ACTA. Ora tocca all’Italia. | Lorenzo Cesa

  6. Pingback: Severino e l’autodisciplina dei blog

  7. Pingback: L’Europa boccia ACTA. Ora tocca all’Italia. | Mario Tassone

  8. Pingback: Censura a Internet « SPACEPRESS

  9. Pingback: Ministro Severino, che c’entrano i blog? | Informare per Resistere

  10. Pingback: Informazione sul Web: non servono nuove regole | Informare per Resistere

  11. Pingback: Visto nel Web – 24 « Ok, panico

  12. Pingback: Anteprima Punto Informatico - manteblog

  13. Pingback: Anteprima Punto Informatico | Aggrega Blog

  14. Pingback: Contrappunti/ Blog e ministri da rettificare | infropy - information entropy

  15. Pingback: #lapiùgranderivoltadopoilweekend « ilNichilista

  16. Pingback: Il libero web nel 2012 secondo Freedom House « ilNichilista

  17. Pingback: Niente soluzioni repressive per combattere l’odio in rete | Notizya.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...